/ Sanità

Che tempo fa

Cerca nel web

Sanità | 09 gennaio 2021, 14:50

Vaccino Covid nelle Rsa: chi decide quando l’anziano è incapace?

Una condizione che tocca tra il 30 e il 40% dei pazienti: nel solo Piemonte si parla di oltre 13mila persone

anziano ospite di una Rsa

vaccino Covid nelle Rsa, ci si domanda chi decide quando l’anziano è incapace

A poco più di una settimana dall’avvio delle vaccinazioni anti Covid nelle residenze per anziani di tutta Italia le Asl fanno i conti con un’importante criticità. Chi può sottoscrivere il consenso informato per conto di un ricoverato quando questi sia incapace di farlo? Ovvero, quando un deficit cognitivo della persona le renda impossibile una chiara manifestazione di volontà e questa non sia stata espressa in precedenza nelle forme ora previste dalla legge?

Un caso ricorrente là dove – ed è la norma, quando sono presenti parenti stretti – a tutela della persona non sia già stato nominato un amministratore di sostegno o un tutore legale.

Nel solo Piemonte si parla di oltre 13mila persone, circa un terzo di quelle complessivamente ospitate nelle residenze assistite della regione.

Il nodo è stato teoricamente sciolto dall’articolo 5 del decreto legge 1/2001 del 5 gennaio, quello col quale il Governo Conte ha aggiornato calendario e modalità delle prossime chiusure regionali e ridefinito i tempi del rientro in classe degli studenti superiori.

Ripartito in dieci commi, il più corposo articolo del decreto prevede che in caso di incapacità naturale sia il direttore sanitario o il medico responsabile della struttura ospitante (o in loro mancanza il direttore sanitario della Asl competente), a fornire in forma scritta il consenso per conto del paziente. E che lo possano e debbano fare dopo aver "sentito il coniuge, la persona parte di unione civile o stabilmente convivente o, in difetto, il parente più prossimo entro il terzo grado".
Questo se ovviamente gli stessi sanitari accertano che "il trattamento vaccinale è idoneo ad assicurare la migliore tutela della salute della persona ricoverata".

In mancanza di congiunti, o quando il parere di questi sia contrario, gli stessi referenti devono però rifarsi al giudice tutelare del tribunale competente, il quale ha 48 ore di tempo per esprimersi con un decreto motivato: un termine scaduto il quale gli operatori potranno procedere con la vaccinazione. Sempre al giudice tutelare possono però rivolgersi anche i congiunti del paziente per il quale siano gli stessi sanitari a non voler procedere con la vaccinazione.  

"Una prima quota di anziani non viene vaccinata perché l’indicazione in questa fase è quella di non somministrare il farmaco ha chi già contratto il Covid-19 – precisa il direttore dell'Asl Cn2 Massimo Veglio Dopodiché bisogna tenere conto di quanti non intendono farlo, una quota che sulla popolazione generale è prossima al 20%. E infine vi sono, appunto, i pazienti che tale consenso non sono in grado di esprimerlo".

Da qui l’esigenza di definire percorsi chiari e agili nelle comunicazioni tra aziende sanitarie, strutture e tribunali, come convenuto durante l’incontro che l'8 gennaio ha portato il direttore generale dell’azienda sanitaria langarola – insieme ai loro omologhi dell’Asl astigiana e della To5 di Torino – a conferire col presidente e il procuratore generale presso il Tribunale di Asti, competente per l’area.

redazione

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium