/ Sanità

Che tempo fa

Cerca nel web

Sanità | 30 marzo 2021, 18:20

Over 70, primi vaccini negli studi dei medici di base: “L’ho fatto per riabbracciare la mia nipotina” (VIDEO e FOTO)

Fondamentale il supporto delle farmacie, con un sistema rodato che garantisce la conservazione delle dosi. I primi vaccinati: “Siamo felici, lo devono fare più persone possibili”

Over 70, primi vaccini negli studi dei medici di base: “L’ho fatto per riabbracciare la mia nipotina” (VIDEO e FOTO)

Un sorriso sul viso della signora Laura, occhi lucidi e commozione per il signor Narciso. Sono queste le emozioni che hanno accompagnato le prime vaccinazioni di over 70 negli studi di medici di base a Torino.

Vaccinazione entra nel vivo, dopo la 'falsa partenza' di ieri

Dopo la “falsa partenza” di ieri, la fase che prevede la vaccinazione con AstraZeneca dei piemontesi d’età compresa tra 70 e 79 anni è entrata nel vivo e l’ha fatto grazie alla sinergia tra farmacie del territorio e medici di medicina generale.

Nello studio del dottor Giovanni Boella, la prima vaccinata è stata Laura Megliori: “L’ho fatto per riabbracciare la mia nipotina, per avere un po’ di vita sociale: è stato un anno durissimo. Voglio abbracciarla, fare un pranzo con i miei figli. Siamo stati attentissimi, ma dopo un anno…”.

"A chi è incerto dico: bisogna farlo"

Contento anche Narciso Venuto, secondo vaccinato a Torino in uno studio di medici di base: “Sono felice”. E poi aggiunge: “A chi è incerto dico di farlo, bisogna farlo” afferma con le lacrime agli occhi, commosso.

I vaccini AstraZeneca sono stati somministrati negli studi sparsi per il territorio, come quello del dottor Boella, in via Madama Cristina: “Gli obiettivi sono quelli di vaccinare la popolazione che ha dato la preadesione sul sito il piemontetivaccina. Tra i miei assistiti ho riscontrato una buona adesione, abbiamo 90 pazienti che hanno già detto di volerlo fare: siamo in tre medici, pertanto abbiamo 270 torinesi da vaccinare”.

“Noi cominciamo oggi, vogliamo arrivare a 175 vaccinazioni alla settimana: se ogni medico di famiglia riuscisse a farne 8 al giorno, considerati i 3.000 medici di base, avremmo 24.000 vaccinazioni al giorno in più” è l’appello del dottore ai colleghi che ancora non hanno aderito all’iniziativa.



"Fondamentale non sprecare le dosi"

Fondamentale per garantire che le vaccinazioni vengano effettuate, la collaborazione delle farmacie piemontesi: “Siamo attivi nella distribuzione dei vaccini ai medici di medicina generale che hanno aderito alla campagna vaccinale” spiega Paolo Borgarelli, farmacista. La trafila è la solita seguita per i vaccini antinfluenzali, collaudata ed efficace: “Il medico sceglie la farmacia a cui prenotare i vaccini, la farmacia tramite la piattaforma lo richiede al grossista di riferimento e una volta che l’abbiamo qui chiamiamo il medico che ce l’ha ordinato il quale viene qui a ritirarlo”.

Tutte le farmacie del Piemonte hanno aderito a questo sistema di distribuzione, che permette di non sprecare dosi: funziona bene” conclude il farmacista, prima di consegnare la fiala con 10 vaccini al medico di base. Il Piemonte prova così ad accelerare nella campagna vaccinale.

Andrea Parisotto

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium