/ Cronaca

Che tempo fa

Cerca nel web

Cronaca | 06 aprile 2021, 19:53

Covid, il Piemonte vuole vincere la sfida dei vaccini e punta sulla "panchina"

Per la fascia 60-69 anni, nel caso di rinunce, la Regione punta su una lista di persone pronta a subentrare

vaccino anti covid - foto d'archivio

Covid, il Piemonte vuole vincere la sfida dei vaccini e punta sulla "panchina"

Sono oltre 900 i volontari che hanno accettato di entrare a far parte dell’esercito di vaccinatori, aderendo al bando di reclutamento “Il Piemonte ha bisogno di te” (tra i quali 398 medici, 165 infermieri, 24 Oss, 49 odontoiatri, 271 altre figure). Circa 80, invece, le strutture private che si sono rese disponibili a diventare punti vaccinali, sommandosi ai 140 già esistenti in Piemonte.

La panchina vaccinale per vincere la partita contro il Covid

Giovedì 8 aprile, partiranno le preadesioni per la fascia 60-69 anni attraverso il portale IlPiemontetivaccina. Per questa categoria verrà attivata anche la “panchina vaccinale”, ovvero una lista di persone disponibili a recarsi nell’arco di un’ora presso il punto vaccinale di competenza della propria Asl, nel caso si verificasse una rimanenza di vaccini a fine giornata (dovuta ad eventuali rinunce o inidoneità).

Per i sessantenni sarà possibile apporre una spunta su una apposita casella per indicare la propria disponibilità a una reperibilità last minute.

La panchina vaccinale si abbinerà ai meccanismi di over booking e chiamate anticipate sulle prenotazioni già fissate per i giorni successivi e sarà sperimentata con i sessantenni quando partiranno le somministrazioni per la loro categoria (una fascia che, rispetto agli over 80 e agli over 70, ha una maggiore facilità a rendersi disponibile a spostamenti logistici immediati).

Ancora rimandato l'appuntamento con quota 20 mila

Il Piemonte è ad un passo ma non ha ancora centrato l'obiettivo dei 20mila vaccini al giorno (siamo vicini a quel numero ma la soglia non è ancora mai stata raggiunta, ndr) e si prepara per il prossimo obiettivo, che è quello di arrivare a 30mila somministrazioni giornaliere, "compatibilmente con l'arrivo delle dosi". Lo sottolinea Antonio Rinaudo, commissario alla campagna vaccinale della Regione.

Sul fronte dei rifornimenti, Rinaudo segnala "che in data odierna Pfizer consegnerà 126.360 dosi, il 13 aprile ne consegnerà altre 125.190, il 21 aprile ne arriveranno ulteriori 109.980 e il 28 aprile ancora 108.810". "Da AstraZeneca - aggiunge il commissario - sono attese in tutto 11.500 dosi che saranno consegnate il 14 aprile. Mentre per quanto riguarda i vaccini di Moderna e Johnson & Johnson - conclude - la Regione Piemonte non ha finora ricevuto notizie sulle consegne dalla struttura commissariale di Roma".

redazione

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium