/ Economia e lavoro

Economia e lavoro | 24 novembre 2021, 10:45

Da Torino a Dubai per rinforzare i legami con le imprese e l'economia dei Paesi del Golfo dopo i "tagli" del Covid

Una delegazione della città della Mole al 12° Congresso Mondiale delle Camere di commercio. Nel 2020 l'export piemontese verso queste aree è calato del 19,2%

Gallina con due personaggi stranieri

Il presidente Dario Gallina con Hamad Buamin, presidente Dubai Chamber e Presidente WCF (World Chambers Federation) e Jérome Bédier, Camera di commercio di Parigi

C'è anche una delegazione torinese, a Dubai, per partecipare al congresso internazionale che fino al 25 novembre raccoglie tutte le Camere di Commercio del pianeta: si tratta della 12a edizione del World Chambers Congress, ospitato proprio nel Paese cornice dell'ultimo Expo e che richiama 500 partecipanti provenienti da oltre 100 Paesi, 80 speaker internazionali e sarà scandito da 40 sessioni di dibattito sui temi dell’innovazione e dello sviluppo tecnologico. 
 

Un occhio rivolto alle future generazioni

Tema della manifestazione sarà "Generation Next: Chambers 4.0", dedicato alle trasformazioni che stanno rivoluzionando il commercio e il business globale: l’evento rappresenta un momento di confronto tra le Camere di commercio di tutto il mondo, per delineare quali servizi si possono offrire alle imprese locali per affrontare i cambiamenti, cogliere le opportunità, rimanere competitivi.

In questo contesto, la Camera di commercio di Torino partecipa all’evento con una delegazione guidata dal presidente, Dario Gallina, già membro del Board dell'Executive Council di ICC WCF (International Chamber of commerce - World Chambers Federation). Previsto anche uno spazio espositivo all’interno dell’area fieristica del Congresso, base per incontri istituzionali e presentazioni del territorio torinese e piemontese.

Siamo a Dubai per sviluppare una rete di contatti a beneficio delle nostre imprese: nel 2020 l’interscambio Piemonte-Emirati Arabi ha raggiunto, nonostante la pandemia, i 224,3 milioni di euro, con una bilancia commerciale nettamente a nostro favore – spiega Gallina –. In questi giorni vogliamo quindi consolidare i rapporti già esistenti, grazie all’ampia rete internazionale garantita dalle Camere di commercio di tutto il mondo. Rinnoveremo accordi di collaborazione con partner istituzionali emiratini, come la Camera di commercio di Sharjah – e sigleremo nuovi accordi con enti prestigiosi come DAFZA (la Dubai Airport Free Zone), per facilitare l'accesso delle imprese torinesi non solo al mercato emiratino, ma all'intera area dei paesi del Golfo di cui gli Emirati rappresentano il maggiore hub logistico”.

I numeri del Piemonte verso il Golfo: il Covid ha tagliato il 20%

Nel 2020 il Piemonte ha esportato negli Emirati Arabi 211,2 milioni di euro con un calo del 19,2% rispetto al 2019 che si era chiuso con 261,3 milioni di euro. Nei primi sei mesi del 2021 il Piemonte ha già esportato per 123,6 milioni di euro, in netta crescita rispetto allo stesso periodo del 2020 che si era chiuso con 102,1 milioni. 

Il 97,9% dell’export è costituito da prodotti delle attività manifatturiere; esportiamo principalmente macchinari (22,3%), prodotti alimentari (22,1%), prodotti tessili e abbigliamento (15%), prodotti chimici (7,6%) e mezzi di trasporto (6,2%). Siamo la 5° regione italiana per export negli Emirati Arabi Uniti e incidiamo per il 5,3% sull’export nazionale. 

La Camera di commercio di Torino è attiva da anni negli Emirati Arabi e nell’area del Golfo. Nel 2020 è stato siglato un accordo con l'Halal Trade and Marketing Centre di DUBAI (HTMC), ente emiratino specializzato nel training e nel matching commerciale per facilitare l’accesso delle imprese alle opportunità offerte dal mercato Halal internazionale nei settori food&beverage, cosmetica, fashion e design.

Da questo accordo è nato nel 2021 il progetto "Torino-Emirati Arabi", mirato ad accompagnare le aziende dei settori food & beverage e cosmetica nell'accesso al mercato della Grande Distribuzione Organizzata emiratina: l’iniziativa, consistente in un percorso di informazione, formazione e incontri commerciali, prevede lo sviluppo delle vendite sia via e-commerce sia on-site.

La Camera di commercio di Torino, inoltre, mette inoltre a disposizione delle imprese torinesi servizi di informazione specifici dedicati ai mercati dell'area MENA (Middle East and North Africa): sia nell'ambito dello sportello per l'internazionalizzazione Wordpass con focus su import-export e certificazione Halal, sia nell'ambito del progetto Export Library attraverso la realizzazione di materiale informativo sui vari paesi dell’area, a disposizione di imprese e operatori economici sul sito della Camera di commercio di Torino.

Massimiliano Sciullo

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium