/ Sanità

Sanità | 06 dicembre 2021, 17:50

Venaria, i sindacati attaccano la chiusura del vecchio ospedale: "Nuovo polo sanitario scelta inadeguata"

"Una risposta va data ai bisogni e alle necessità dei cittadini di Venaria"

polo sanitario venaria

Venaria, i sindacati attaccano la chiusura del vecchio ospedale: "nuovo polo sanitario scelta inadeguata"

"La chiusura del vecchio ospedale di Venaria, situato al centro della città, e il conseguente spostamento di tutte le attività, malgrado le richieste dei sindacati di mantenere alcuni servizi più facilmente accessibili, in attesa di un adeguato trasporto pubblico verso il nuovo polo di via Don Sapino, nonostante il grandissimo impegno degli operatori della sanità, si è scontrato con le scelte della Asl con gli effetti della pandemia, che sta determinando conseguenze negative", hanno dichiarato i sindacati, che oggi hanno organizzato un volantinaggio per informare sullo stato delle cose.

Vengono denunciate la chiusura del punto di primo soccorso e la trasformazione del presidio in ospedale covid; l’aumento del ricorso alle prestazioni private sia convenzionate che a pagamento;  lo spostamento di molti servizi e prestazioni (es. Odontoiatria, Cardiologia) verso altri presidi, non solo nello stesso distretto, ma anche in quelli limitrofi (Susa, Collegno, Grugliasco…); la riduzione del numero dei medici di base e loro mancata sostituzione; l’aumento delle liste di attesa.

"Ci siamo battuti per il ripristino di tutte le attività, esprimiamo forte preoccupazione per i disservizi e per questo invitiamo alla mobilitazione tutta la cittadinanza affinché la recente riapertura parziale del punto di primo soccorso non adeguatamente pubblicizzata non corrisponda in prospettiva alla riduzione del servizio, con evidenti ricadute negative sulle altre prestazioni di emergenza; si risolva il problema delle liste di attesa e di accesso alle prestazioni radiologiche ed ecografiche, attualmente non programmabili a Venaria, nonostante la presenza di validissime attrezzature; non si ripetano più per le vaccinazioni lunghe code al freddo, principalmente per i tanti anziani che vi si recano", sottolineano i sindacati.

"I tempi per l'approvazione del PNRR e la decisione di dove collocare le nuove strutture previste, con il rischio di una nuova ondata pandemica, i ritardi della regione, anche nella definizione dei trasporti pubblici richiesti dal Comune, a fronte delle sollecitazioni delle organizzazioni sindacali, non possono più attendere, una risposta va data ai cittadini di Venaria", concludono le organizzazioni sindacali.

comunicato stampa

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium