/ Attualità

Attualità | 01 novembre 2022, 14:02

Natale: chi addobba la casa (e le vetrine) in anticipo è più felice

Lo dice uno studio dell'Università dello Utah e della Temple University

albero di natale

Natale: chi addobba la casa (e le vetrine) in anticipo è più felice

Oggi, 1° novembre, mancano 55 giorni al Natale. Se questa informazione non vi è nuova, perché state facendo il countdown da Ferragosto, allora sappiate che siete delle persone felici. O almeno, più felici di chi alle feste natalizie inizierà a pensarci alla vigilia.

Non lo diciamo noi, lo dice la scienza. Uno studio dell’Università dello Utah e della Temple University conferma che chi prova un forte spirito natalizio, anche molto prima del 25 dicembre, è in generale più felice e aperto nei confronti degli altri.

La ricerca si è concentrata in particolare su chi inizia ad addobbare casa e albero in largo anticipo, come conferma Steve McKeown, psicologo e fondatore della McKeown Clinic. Secondo lo studioso, immergersi nell’atmosfera del Natale fa mantenere i contatti con il bambino che è in noi. “In un mondo pieno di stress e ansia - ha spiegato lo psicologo - la gente associa ciò che è correlato al Natale alla felicità, evocando forti sentimenti legati all’infanzia. Le decorazioni sono semplicemente un’ancora alle emozioni e all’eccitamento di quando eravamo bambini”.

Chi desidera circondarsi di allegria, lucine, canzoni di Michael Bublé e Mariah Carey ha un animo più fanciullesco, che tende alle emozioni dell’infanzia e al benessere provato da bambini. Se poi avete una villetta e vi deliziate decorando anche l’esterno, potrete avere anche il vantaggio di rafforzare il legame con i vicini di casa.

La tradizione vuole che l’albero si prepari l’8 dicembre (giorno in cui si celebra l’Immacolata Concezione) lo sappiamo tutti. Ma i veri patiti del Natale, quelli osservati dalla ricerca, sicuro l’hanno già allestito. Proviamoci anche noi, prendendo come esempio la cartoleria Grosso di Bra, che ogni anno anticipa l’atmosfera natalizia agli ultimi giorni di ottobre per un toccasana di salute e benessere.

E poi, dopo aver decorato la casa, quand’è che si disfa tutto? In teoria l’Epifania tutte le feste se le porta via, e pure albero, palline e stelline varie. Poi vabbè, c’è la serie di quelli che l’albero non lo tolgono fino a marzo. Aprile magari. Per affetto, certo. Ma soprattutto per pigrizia. Dopo la fatica fatta per addobbarlo, perché farsi subito un’altra sudata e disfare tutto?

Silvia Gullino

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium