/ Economia e lavoro

Economia e lavoro | 26 aprile 2023, 19:30

Orgoglio torinese per la Venaria: saranno gli artigiani del territorio a prendersi cura della Reggia

Convenzione tra Centro restauro e Cna Piemonte per collaborare negli interventi di restauro e conservazione della residenza sabauda. Trucco: "Un modo per restituire al territorio"

reggia di venaria e conferenza

Orgoglio torinese per la Venaria: saranno gli artigiani del territorio a prendersi cura della Reggia

Tutto è cominciato al Battistero di Pisa, a centinaia di chilometri da Torino e i suoi dintorni. Laggiù, in terra toscana, gli esperti del Centro conservazione e restauro di Venaria Reale hanno chiesto e trovato aiuto in un'azienda vetraia artigiana per alcune riparazioni.

Da uno scambio di informazioni è scoccata la scintilla

Uno scambio reciproco per un bene comune. È stata una scintilla, che ha acceso un interesse e un'intuizione. Quell'intuizione che oggi porta a costruire una squadra per la Reggia di Venaria Reale.

"La sapienza di chi cura quotidianamente le bellezze di Venaria e la manualità di chi custodisce saperi artigiani. Si tratta di un incontro semplice, ma dal potenziale enorme". È con entusiasmo che Andrea Tronzano, assessore regionale alle Attività produttive, commenta la convenzione tra Cna Piemonte e proprio il Centro di conservazione e restauro di Venaria Reale. 

Forze del territorio per il patrimonio locale

Un "patto" che vuole fornire forze e risorse al servizio di un patrimonio inestimabile del territorio. Magari attraverso progetti comuni di restauro e conservazione, costituendo una filiera a km zero che si prenda cura delle testimonianze Savoia alle porte di Torino. Saranno previsti anche incontri e formazione per allineare al massimo le esigenze e le competenze.

"Sono arrivato otto anni da alla guida del Centro - dice Stefano Trucco, presidente del CCR La Venaria - e ho sempre cercato di trovare una strada di restituzione al territorio di ciò che facciamo e per cui veniamo finanziati".

Vivere di bellezza e creare impresa 

"Siamo un popolo che vive di bellezza, arte e artigianato - concorda Nicola Scarlatelli, presidente di Cna Piemonte - e la radice comune non è casuale. Questo è un progetto che può fare molto e in cui crediamo molto".

"L'obiettivo è di medio e lungo termine per creare impresa e generare successione - aggiunge Luca Emilio Brancati, presidente di Cna artistico - soprattutto in un momento in cui il passaggio generazionale si fa complesso".

"Collaborare aiuta anche a spaventare meno quei giovani che forse temono di aprire un'azienda in proprio".

"Abbiamo già in mente iniziative da fare entro l'anno, a cominciare dagli incontri tra persone - dice Sara Abram, segretario generale del Centro - mettendo in contatto le aziende con i nostri laureati. Solo dalla conoscenza reciproca possono nascere occasioni e opportunità. Vogliamo diffondere competenze, ma anche insegnare ai neolaureati cosa vuol dire fare impresa".

Massimiliano Sciullo

TI RICORDI COSA È SUCCESSO L’ANNO SCORSO A GIUGNO?
Ascolta il podcast con le notizie da non dimenticare

Ascolta "Un anno di notizie da non dimenticare" su Spreaker.

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium