/ Eventi

Eventi | 18 febbraio 2024, 07:00

Cosa fare a Torino nel weekend: gli eventi fino a domenica 18 febbraio

Skin veste i panni da dj, i Tropea si esibiscono in concerto, il cinema undeground trova il suo piccolo festival. A teatro, Carlo Buccirosso e Andrea Pucci, ma anche Osho. E il testo che valse lo Strega a Nicola Lagioia. Annullato lo spettacolo al Gioiello con Marina Massironi

Skin in consolle per un dj set alle Gru venerdì 16 febbraio alle 22.30

Skin in consolle per un dj set alle Gru venerdì 16 febbraio alle 22.30

MOSTRE ED EVENTI 

PICCOLO FESTIVAL DEL CINEMA UNDERGROUND TORINESE 
Dal 17 febbraio 
Torna con la sua seconda edizione il “Piccolo festival del cinema underground torinese”. Organizzato dal MAU - Museo di Arte Urbana di Torino, in collaborazione con Quotidiano Piemontese, è l'occasione per vedere o rivedere piccoli o grandi film realizzati a Torino che hanno avuto poche occasioni di essere proiettati oppure che non vengono proiettati da molto tempo. Dopo il successo della prima edizione 2023, il “Piccolo festival del cinema underground torinese” torna con tre nuovi appuntamenti. L’ingresso alle proiezioni sarà sempre gratuito ed ogni proiezione sarà accompagnata dalla presenza di autori, attori o esperti. Si comincia il 17 febbraio con “La ragazza di via Millelire”, film del 1980 diretto da Gianni Serra, ospiti della serata la scrittrice Erika Savio e l'architetto Federico Guiati, storico urbanista di Mirafiori. 
INFOgalleriadelmau@gmail.com

ROBERT CAPA, UGO MULAS, MICHELE PELLEGRINO A CAMERA 
Da martedì 13 febbraio 
La tragica guerra civile spagnola, momento cruciale della storia del XX secolo, e il rapporto professionale e sentimentale fra Robert Capa e Gerda Taro sono il fulcro della mostra Robert Capa e Gerda Taro: la fotografia, l’amore, la guerra che con oltre centoventi fotografie racconta una stagione intensa di fotografia, guerra e amore. Nella mostra Ugo Mulas / I graffiti di Saul Steinberg a Milano protagonista è la Milano del boom economico e le creazioni del grande illustratore e disegnatore Saul Steinberg immortalate da un giovane Ugo Mulas, mentre lo sguardo poetico sul Piemonte rurale di Michele Pellegrino offre storie di uomini, donne e montagne nella mostra Michele Pellegrino. Fotografie 1967-2023.
INFO: www.camera.to 

LA FORTUNA E' IN UN ALTRO BISCOTTO 
Venerdì 16 febbraio ore 21 
Uscito nelle sale nel mese di ottobre con programmazione in Piemonte in una sala di Moncalieri, viene presentato a Torino il film “La fortuna è in un altro biscotto”, sorprendente opera prima del regista ligure Marco Placanica che, nonostante la giovanissima età, ha diretto con maestria un cast alto livello, costituito da attori di grande caratura e giovani di talento, realizzando un film di alta qualità nella recitazione e nelle tecniche di ripresa guidate dall’esperto Alessandro Dominici. Oltre al regista, partecipa alla presentazione e alla seguente proiezione il direttore della fotografia Alessandro Dominici. Fanno parte del cast attori di grande rilievo, tra i quali il protagonista principale Manuel Zicarelli – attualmente impegnato in diverse serie tv nazionali e internazionali, Enzo Paci – il commissario Bacigalupo della serie tv Blanca e interprete di Paolo Villaggio nel prossimo atteso film tv della Rai, Fabrizio Contri – tra i principali attori degli ultimi due film di Marco Bellocchio, Daniela Camera - protagonista di “Lost in Laos” e di serie tv di successo tra le quali Don Matteo 10 e REC Fattore Umano.
INFOcineteatrobaretti.it

TOO SHORT TO WAIT 
Sabato 17 e domenica 18 febbraio 
Too Short to wait, vetrina per tutte le opere che ambiscono ad accedere ai concorsi Spazio Piemonte - per corti di fiction - e Doc Short - per documentari brevi: al Cecchi Point sabato 17 e domenica 18 febbraio. Una carrellata di 867 minuti di proiezione frutto del lavoro di 112 registi e registe che hanno dato forma a storie e idee delle più diverse in una manciata di minuti. In tutto 80 produzioni, di cui 66 lavori di fiction e 14 documentari, girate in regione o realizzate/presentate nel 2023 da professionisti attivi sul territorio. Uno dopo l’altro, corti amatoriali e opere che hanno già fatto il giro dei festival mondiali, fiction e doc, horror e animazione, location familiari e volti noti come Carolina Crescentini (Mare fuori e Boris) e Riccardo De Filippis (Romanzo Criminale) presenti in Benzina di Daniel Daquino. Il torinese Renato Liprandi (Camera Café) anche in Livandro come Jozef Gjura, vincitore del premio Prospettiva Glocal 2023 che ha esordito con Martone. 
INFOwww.glocalfilmfestival.it

I MACCHIAIOLI E LA PITTURA EN PLEIN AIR TRA FRANCIA E ITALIA
Fino al 1° aprile 
Al Mastio della Cittadella I Macchiaioli e la pittura en plein air tra Francia e Italia. Prodotta da Navigare srl, con il patrocinio di Regione Piemonte e del Comune di Torino e la collaborazione di AICS, la mostra aprirà al pubblico dal 3 febbraio al 1 aprile, con circa 70 opere di oltre 20 artisti italiani e francesi, intende analizzare il movimento italiano artistico antiaccademico dei Macchiaioli, nato intorno al 1855 a Firenze da un nucleo di giovani artisti frequentatori del Caffè Michelangelo, che influenzò l’arte europea, in particolare quella francese, sviluppando soprattutto il tema del paesaggio e della pittura en plein air. La provenienza delle opere, per lo più da collezioni private oltre che da alcune istituzioni pubbliche, rende l’esposizione particolarmente preziosa, aprendo la strada per un percorso di avvicinamento del visitatore a diversi aspetti di quella che fu una vera e propria rivoluzione macchiaiola, sia per temi sia per stili e tecniche. Dalla loro origine, e sino agli anni ’70 dell’Ottocento, i Macchiaioli si confrontarono con i pittori paesaggisti della Scuola francese di Barbizon e influenzarono grandi artisti d’Oltralpe, anticipando l’arte degli Impressionisti e contribuendo alla nascita della pittura moderna.
INFO: www.navigaresrl.com/mostra/la-mostra-sui-macchiaioli-a-torino 

ANTONIO LIGABUE
Fino al 26 maggio 
Oltre 90 opere di Antonio Ligabue ne illustrano la vita, la psiche e la storia tormentata nell’esposizione Ligabue, in corso alla Società Promotrice delle Belle Arti di Torino fino al 26 maggio. Un viaggio nell’arte di questo genio visionario sempre in evoluzione, e nella sua appassionata ricerca, con la quale sapeva inventare e rinnovare le sue opere nella loro pressante suggestione emotiva, in una iconografia popolare e raffinata. La mostra è curata da Giovanni Faccenda, si avvale del patrocinio della “Fondazione Augusto Agosta Tota per Antonio Ligabue” ed è prodotta da SM.ART, con la direzione creativa e di produzione di WeAreBeside. La mostra Ligabue, a cura di Giovanni Faccenda, si snoda attraverso 8 sale in un corpus di 71 dipinti, 8 sculture e 13 disegni ed è la prima realizzata con la Fondazione Augusto Agosta Tota per Antonio Ligabue, a quasi un anno dalla scomparsa di Augusto Agosta Tota, che dell’artista fu amico, promotore e studioso.
INFO: https://mostraligabuetorino.com

LE OSSA DELLA TERRA 
Fino al 13 ottobre 
Dal 26 gennaio 2024 il Museo Nazionale della Montagna di Torino invita a scoprire il legame di Primo Levi con le terre alte attraverso la mostra Le ossa della terra, un progetto ideato e prodotto dal Museo, sviluppato in collaborazione con il Centro Internazionale di Studi “Primo Levi” di Torino e curato da Guido Vaglio con Roberta Mori. Un percorso espositivo articolato attorno alle parole di Levi, ma anche a fotografie storiche, oggetti, documenti, volumi ed estratti video provenienti da archivi pubblici e privati, oltre che dai familiari dello scrittore e dal Museo. Una mostra per scoprire il legame poco conosciuto di Primo Levi con la montagna, nato negli anni dell’adolescenza e tragicamente legato al destino dello scrittore.
INFOhttps://www.museomontagna.org

FABIO MAURI. ESPERIMENTI NELLA VERIFICA DEL MALE
Fino al 24 marzo 
In occasione della donazione al Castello di Rivoli Museo d’Arte Contemporanea della grande installazione I numeri malefici, 1978, realizzata da Fabio Mauri (Roma, 1926–2009) per la XXXVIII Biennale di Venezia, il Museo presenta fino al 24 marzo la mostra Fabio Mauri. Esperimenti nella verifica del Male.Artista e intellettuale, Fabio Mauri nasce a Roma nel 1926 e inizia a pubblicare i suoi primi disegni e articoli quando aveva solo sedici anni sulla rivista “Il Setaccio” che aveva fondato insieme a Pier Paolo Pasolini a Bologna nel 1942. Ben presto il secondo conflitto mondiale investe violentemente la vita di Mauri: un trauma che lo porta successivamente a creare forme d’arte che attraversano la performance, l’installazione, il disegno, la scrittura, il tutto riferendosi alla pittura come simbolo dell’arte in generale.
INFOwww.castellodirivoli.org

ANTONIO CAMPI A TORRE PALLAVICINA 
Fino al 10 marzo
Nella sala del Tardo Manierismo internazionale della Galleria Sabauda dal 7 dicembre al 10 marzo 2024, i Musei Reali di Torino ospitano l’esposizione Antonio Campi a Torre Pallavicina, che riunisce le tavole superstiti di un ampio ciclo dipinto dal grande manierista cremonese negli anni Settanta del Cinquecento. Seconda tappa della mostra dossier, aperta dal 19 settembre al 3 dicembre 2023 al Museo Diocesano di Cremona, l'iniziativa mette in luce l’attività del pittore per l’Oratorio di Santa Lucia a Torre Pallavicina, comune nella diocesi di Cremona, oggi in provincia di Bergamo, e presenta quello che rimane di una grande ancona a tema cristologico della quale facevano parte i due pannelli con l’Andata al Calvario e la Resurrezione, appartenenti alle collezioni della Galleria Sabauda,  e le due tavole con l’Orazione nell’orto e Cristo davanti a Caifa della Galleria Canesso, che ne ha gentilmente concesso il prestito.
INFO: museireali.beniculturali.it

EDOARDO SANGUINETI
Fino al 30 aprile
Alle Sezioni Riunite dell’Archivio di Stato di Torino si svolge la mostra Edoardo Sanguineti nella città “cruciverba”.  L’esposizione attingerà principalmente ai fondi del Centro Studi Interuniversitario Edoardo Sanguineti, con i quali interagiranno alcune schede lessicografiche selezionate provenienti dal Fondo esempi letterari (scarti e giunte) del Grande Dizionario della Lingua Italiana, al quale Sanguineti partecipò, grazie alla fondamentale mediazione dell’amico Tullio De Mauro, in veste di direttore dei Supplementi. Sarà possibile ammirare per la prima volta due recentissimi ritrovamenti, che risalgono agli albori della carriera del Sanguineti poeta: il manoscritto di Composizione, la raccolta sottoposta nel febbraio 1950 a Cesare Pavese, che la rifiutò, due redazioni di Laszo Varga e il manoscritto finale di Laborintus, la fondamentale opera d’esordio di Sanguineti, nella redazione in cui il titolo era ancora Laberintus.
INFOwww.centrosanguineti.unito.it/it

TIME SQUARE
Fino al 31 marzo
“Time Square. L’arte in piazza trascende il tempo”. Ha un titolo che cattura subito l’attenzione la nuova mostra ideata da Alessandro Bulgini. L'esposizione mette in dialogo sedici opere d'arte del passato con altrettante insegne pubblicitarie odierne, lungo sedici stanze della villa ottocentesca di corso Giovanni Lanza, stanze che diventano metafisiche piazze per un confronto fra tempo, arte e vita.
INFOFlashback Habitat, www.flashback.to.it

GIULIA E TANCREDI FALLETTI DI BAROLO COLLEZIONISTI
Fino al 7 aprile
In occasione del bicentenario del Distretto Sociale Barolo, i Musei Reali presentano una mostra dossier che per la prima volta permette di ricomporre l'originaria raccolta dei marchesi Giulia Colbert e Carlo Tancredi Falletti di Barolo, mettendo in luce il loro duplice ruolo di committenti e collezionisti. Una significativa selezione delle 45 opere d'arte antica donate con lascito testamentario alla Galleria Sabauda nel 1864 dialogherà con altri dipinti e sculture.
INFOmuseireali.beniculturali.it

LA PRIMA MONNA LISA
Fino al 26 maggio
Si tratta de La Monna Lisa di Isleworth, un'opera che secondo gli esperti il Maestro di Vinci dipinse prima della sua gemella conservata al Louvre. Isleworth è la città inglese in cui visse il mercante che l'acquistò nel 1914 da un collezionista privato inglese. La "prima Monna Lisa" era stata per la prima volta presentata nel 2012 dopo essere stata sottoposta a oltre trentacinque anni di studi.
INFOmostraprimamonnalisa.com

HAYEZ. L'OFFICINA DEL PITTORE
Fino al 1° aprile
Non c’è Il Bacio, ma la mostra “Hayez. Officina del pittore romantico”, ospita alcune importanti opere, tra cui La Meditazione, Il consiglio alla vendetta e Accusa Segreta, insieme a molti quadri e disegni inseriti del pittore veneziano. Dieci sezioni per 100 opere allestite in un percorso cronologico, raccontano il lavoro di Francesco Hayez, autore simbolo del passaggio tra lo stile neoclassico a quello romantico. Dalle prime esperienze tra Venezia e Roma, sotto l’influenza dell’opera di Tiziano, fino a quelle come "pittore civile".
INFO: www.gamtorino.it/it

MICHELANGELO PISTOLETTO
Fino al 25 febbraio
Il Castello di Rivoli presenta una grande mostra dedicata a Pistoletto (Biella, 1933) in occasione del suo novantesimo compleanno. Il progetto dell’artista "Molti di uno" reinventa l’architettura ortogonale della Manica Lunga trasformandola in uno stupefacente groviglio armonioso, un dispositivo urbano irregolare e libero attraverso il quale raccogliere e rileggere tutta la sua arte in un gigantesco autoritratto che funziona come la mappa di una Città ideale dell’avvenire.
INFOwww.castellodirivoli.org/mostra/michelangelo-pistoletto

IL MONDO DI TIM BURTON
Fino al 7 aprile
La mostra dedicata al grande regista è allestita all'interno della Mole. C’è la scrivania del regista, ma anche i suoi disegni, alcuni inediti, schizzi, polaroid, pupazzi e oggetti di scena. Protagonisti tutti i personaggi più famosi creati da Tim Burton, da Beetlejuice a Edward mani di forbice, fino all’ultima riuscita serie Netflix, Mercoledì.  Per la prima volta in città Burton è rimasto colpito da palazzi e ambienti storici.
INFOMuseo del Cinema, www.museocinema.it

CONCERTI

SONATE PER PIANOFORTE DI BEETHOVEN 
Mercoledì 14 febbraio ore 20.30 
Con il concerto di mercoledì 14 febbraio 2024 al Conservatorio Giuseppe Verdi alle ore 20.30 giunge al termine il progetto di esecuzione integrale delle 32 Sonate per pianoforte di Beethoven di Pietro De Maria, iniziato nel febbraio 2020 in occasione dei 250 anni dalla nascita del compositore tedesco. Questo lungo “Viaggio nel viaggio” - ha affermato più volte il pianista veneziano - «è stato dettato da esigenze sia artistiche sia didattiche ed ha costituito per la mia carriera una grande opportunità di crescita». De Maria diventa quindi il terzo italiano - dopo Dino Ciani (1970) e Andrea Lucchesini (1999-2000) - a realizzare l’integrale per l’Unione Musicale.
INFOwww.unionemusicale.it

TROPEA 
Giovedì 15 febbraio ore 21
Il palco del Cap10100 è pronto ad accogliere la tappa del “Serole Tour” dei Tropea. Dopo la release del singolo “Gallipoli” (peermusic ITALY, Artist First), i Tropea si preparano a pubblicare il nuovo album e annunciano le date del Serole Tour. La band unisce nel suo stile diverse influenze musicali, tra cui l’alternative degli anni 2000, il postpunk di inizi anni ’80 e un beat che ricorda molto quello degli anni ’60. Dopo sei anni di attività il gruppo ha finalmente pronto un disco carico di cose urgenti da dire e “Gallipoli” gli è sembrata l’occasione perfetta per anticiparlo, perchè disegna al meglio il momento che stanno vivendo: un’estate idilliaca che non hanno mai avuto. “Gallipoli” rappresenta per la band “il canto della contraddizione”, che parla dei sogni e delle ambizioni che si respirano in quest’epoca post-berlusconiana, ma soprattutto delle sue incoerenze, “perché più ci riempiamo di vuoto più sentiamo vuoto da riempire”.  
INFO: www.cap10100.com

SKIN 
Venerdì 16 febbraio ore 22.30 
La travolgente Skin torna a Le Gru con un incredibile dj set venerdì 16 febbraio dalle 22.30 nell’appuntamento intitolato “Wow Night 2”: una serata gratuita e indimenticabile (iscrizioni sul sito legru.it/wow fino a esaurimento posti) che trasforma la nuova Piazza Sud, dopo la chiusura del centro, in una incredibile discoteca. Skin è una vera e propria star del rock inglese, ma è anche un'icona della moda, una rinomata DJ, un'attrice e un'attivista. Nata e cresciuta a Brixton, nel sud di Londra, è una presenza rivoluzionaria da quando, a metà degli anni '90, ha travolto il mondo della musica internazionale con con gli Skunk Anansie. Ma oltre alla voce e alla presenza scenica unica, Skin ha una vera e propria passione per il djing. 
INFOhttps://le-gru.klepierre.it

TEATRO

ANTONIO E CLEOPATRA
Martedì 13, Giovedì 15 e Sabato 17 febbraio ore 19.30, Mercoledì e Venerdì 16 ore 20.45, Domenica 18 ore 16
Opera disincantata e misteriosa, che mescola tragico, comico, sacro e grottesco. Santifica l’eros con alcuni dei versi più alti ed evocativi di tutta l’opera shakespeariana. Valter Malosti e Anna Della Rosa interpretano i due straripanti protagonisti della grande tragedia scritta da William Shakespeare tra il 1607 e il 1608.
INFO: Teatro Carignano, p. Carignano 6, www.teatrostabiletorino.it

LA FEROCIA
Martedì 13, Giovedì 15 e Sabato 17 febbraio ore 19.30, Mercoledì e Venerdì 16 ore 20.45, Domenica 18 ore 16
Il collettivo teatrale VicoQuartoMazzini – Premio Hystrio 2021 come migliore compagnia emergente – porta sul palco il romanzo che nel 2015 è valso il Premio Strega a Nicola Lagioia. Storia di due giovinezze, una famiglia, una città, delle colpe dei padri nascoste nella fiacchezza dei figli, di un mondo dove il denaro può aggiustare ogni cosa, o forse no. La morte misteriosa di una giovane donna scuote il microcosmo borghese e provinciale in cui vive la ricca famiglia della ragazza, ma questo racconto domestico, scena dopo scena, diventa la lente per esplorare le sorti del Paese dal Dopoguerra ad oggi. La storia della famiglia Salvemini, è una saga in cui le colpe dei padri si specchiano nelle debolezze dei figli, un bestiario che racconta della nostra incapacità di sopprimere l’istinto di prevaricazione e il nostro essere perennemente incatenati alle leggi della natura.
INFO: Teatro Gobetti, via Rossini 8, tel. 0115169555, www.teatrostabiletorino.it

LE PIÙ BELLE FRASI DI OSHO
Mercoledì 14 febbraio ore 21
#lepiubellefrasidiosho è l’hashtag social in cui Federico Palmaroli ordisce urticanti e divertenti situazioni surreali. Decontestualizzando le immagini, catturate dal flusso mediatico tramite tagli originali, Palmaroli attribuisce irriverenti battute ai loro eminenti protagonisti. Sono irresistibili carrellate di personaggi della politica, del costume, dello sport e della spiritualità che si esprimono con un linguaggio “da strada” e che proprio per quel senso del contrario innescano meccanismi del tutto esilaranti. Dal vivo, in scena sul palco, Palmaroli farà sfilare una dopo l’altra le scoppiettanti vicende di questi ultimi anni, immagini e parole s’accoppieranno in una catartica satira 4.0, a velocità 5G, anzi alla velocità della luce.
INFO: Teatro Gioiello, via Colombo 31, www.teatrogioiellotorino.it

DIARIO DI UN DOLORE
Mercoledì 14 e Giovedì 15 febbraio ore 21
Raccontare il dolore puro è molto complesso, ma qualcuno, forse, ci è riuscito. Si tratta di C.S. Lewis, che nel 1961, sotto lo pseudonimo N.W.Clerk, pubblicò questo testo per raccontare la sua reazione alla morte della moglie. L’opera è stata ripubblicata in Italia da Adelphi nel 1990 ed è ancora oggi considerata una delle dimostrazioni più cristalline di precisione e onestà nel racconto del dolore, un qualcosa che – purtroppo – ci accomuna tutti. Il regista Francesco Alberici si è ispirato a quell'opera nel chiedere all'attrice Astrid Casali di portare in scena il dolore.
INFO: San Pietro in Vincoli, via San Pietro in Vincoli 28, biglietteria@ferteiliterreni.com, tel. 334.8655865

CARLO BUCCIROSSO – IL VEDOVO ALLEGRO
Giovedì 15, Venerdì 16 e Sabato 17 febbraio ore 20.45, Domenica 18 ore 15.30
L'attore, amatissimo dal pubblico torinese, torna in città con un testo da lui scritto e diretto. Cosimo Cannavacciuolo, ipocondriaco, stabilmente affetto da ansie e paure, inquilino del terzo piano di un antico palazzone situato nel centro di Napoli, persa la sua amata moglie a causa del virus, si ritrova a combattere la solitudine e gli stenti dovuti al fallimento della propria attività di antiquario, che lo ha costretto a riempirsi casa della merce invenduta del suo negozio e a dover lottare contro l’ombra incombente della banca concessionaria del mutuo che, a causa dei reiterati mancati pagamenti, minaccia l’esproprio e la confisca del suo appartamento. Spettacolo di e con Carlo Buccirosso.
INFO: Teatro Alfieri, piazza Solferino 4, www.teatroalfieritorino.it

http://www.teatroalfieritorino.it

IL MALLOPPO - ANNULLATO!!
Lo spettacolo di Joe Orton, diretto da Francesco Saponaro, non andrà in scena nelle date previste (dal 15 al 18 febbraio) per una "grave indisposizione" di uno degli attori. La pièce, che vede in scena Gianfelice Imparato, Marina Massironi e Valerio Santoro, sarà riprogrammata appena possibile.
INFO: Teatro Gioiello, via Colombo 31, www.teatrogioiellotorino.it

http://www.teatrogioiellotorino.it/

IL CAPITALE
Venerdì 16 febbraio ore 21, Sab 17 ore 19, Domenica 18 ore 17
La storia dell’incontro tra una compagnia di teatro e un gruppo di operai metalmeccanici in una fabbrica occupata, insieme sulla scena. Per affrontare oggi Il Capitale di Karl Marx la compagnia Kepler-452 ha vissuto per due mesi all’interno della fabbrica GKN di Campi Bisenzio, occupata dal 9 luglio 2021. I posti per le tre repliche sono già esauriti: ci si può presentare direttamente in teatro sperando in qualche rinuncia dell'ultimo minuto.
INFO: Teatro Astra, via Rosolino Pilo 8, www.fondazionetpe.it

ANDREA PUCCI
Venerdì 16 e sabato 17 febbraio ore 21, Domenica 18 ore 16
Andrea Pucci ritorna al Colosseo con il suo nuovissimo spettacolo: un viaggio frizzante ed elettrico nel divertimento puro, prendendo di mira il costume e la società moderna e interpretando in chiave comica e grottesca avvenimenti attuali che tutti hanno potuto sperimentare nella quotidianità e rievocando grotteschi episodi della vita, suoi ma anche nostri. Perché, alla fine, "C’è sempre qualche cosa che non va".
INFO: Teatro Colosseo, via Madama Cristina 71, tel. 011.6698034www.teatrocolosseo.it

TRELILU
Sabato 17 febbraio ore 21, Domenica 18 ore 16 
Il Teatro Erba si colora della musica e dell’allegria di questi cantanti-musicisti e comici, in scena con "MAI A BASTA!". Un approccio artistico che rende vive e tangibili le storie raccontate, con un uso giocoso degli strumenti, una continua reinterpretazione della tradizione popolare piemontese e una spiccata propensione alla vena comica.
INFO: Teatro Erba, corso Moncalieri 241, tel. 0116615447/011.6618404 - www.torinospettacoli.it

L'ANATRA ALL'ARANCIA
Domenica 18 febbraio ore 21
Una nuova produzione con Emilio Solfrizzi e Carlotta Natoli. Un classico feuilleton dove i personaggi si muovono algidi ed eleganti su una scacchiera irta di trabocchetti. Ogni mossa dei protagonisti, però, ne rivela le emozioni, le mette a nudo a poco a poco e il cinismo lascia il passo ai timori, all’acredine, alla rivalità, alla gelosia; in una parola all’Amore, poiché è di questo che si parla.
INFO: Teatro Concordia, corso Puccini, Venaria, tel. 0114241124, www.teatrodellaconcordia.it

http://www.fondazionetpe.it/

Daniele Angi e Chiara Gallo

TI RICORDI COSA È SUCCESSO L’ANNO SCORSO A LUGLIO?
Ascolta il podcast con le notizie da non dimenticare

Ascolta "Un anno di notizie da non dimenticare" su Spreaker.
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium