/ Scuola e formazione

Scuola e formazione | 06 settembre 2022, 12:04

Università, la carica dei 2500 candidati per 477 posti per diventare medici e dentisti

In fila dalle 9 al Lingotto Fiere per il test di ingresso, tra tensione e aspirazioni. Una certezza accomuna tutti: "No al numero chiuso"

studenti e test ingresso medicina

Università, la carica dei 2500 candidati per i 477 posti per diventare medici e dentisti

Sono 2521 - da tutto il Piemonte e non solo - i candidati che oggi tenteranno di aggiudicarsi i 477 posti a disposizione per i corsi di laurea in Medicina e Chirurgia e Odontoiatria e Protesi Dentaria dell'Università di Torino.

Numeri in crescita rispetto al 2021

Numeri in crescita rispetto allo scorso anno di 300 unità, a cui si aggiungono quelli raddoppiati degli iscritti al test per Medicina e Chirurgia in inglese (1.134 candidati di cui 765 a Torino, gli altri sono nelle sedi estere del British, ndr) in programma il 13 settembre.

Test a risposta multipla con 60 domande

Il test di ingresso inizierà alle 13, terminerà alle 14.40 e consisterà in un test a risposta multipla con 60 domande. Tra gli aspiranti universitari, in coda dalle 9 fuori dal Lingotto Fiere, regna una certezza: il no al numero chiuso: "Gli oltre 2 anni pandemia - spiegano Edoardo, Lorenzo, Paola e Francesco - hanno mostrato l'insufficienza di medici, con sovraccarichi nei Pronto Soccorso; sarebbe importante rimuovere il numero chiuso per supportare una sanità compromessa". A fargli eco sono Michela e Letizia: "Lo trovo profondamente sbagliato" commenta la prima. "Bisognerebbe almeno aumentare i posti disponibili perché 400 su oltre 2mila candidati sono davvero pochi" aggiunge la seconda.

La richiesta: "No al numero chiuso"

Molto diverse, invece, sono sia le aspirazioni che i metodi di studio utilizzati: "Cambiano i testi - prosegue Edoardo - e i corsi di preparazione ma sono carico, con la giusta tensione e con il cuore in pace. Il mio obiettivo è specializzarmi in medicina dello sport".

"Ho scelto medicina - dice ancora Michela - perché sono innamorata del corpo umano e vorrei studiarlo. La preparazione è stata difficilissima perché  i corsi sono a pagamento e sono richieste competenze spropositate di biologia, chimica e fisica; sono però contenta che ci sia meno cultura generale".

Tra sogni e speranze

A fornire punti di vista alternativi, infine, sono Chiara, Ilaria e Arianna: "Per chi come noi - dichiarano le prime due - è appena uscito dal liceo sarà difficile entrare rispetto a chi ha già una laurea in biologia, biotecnologie o chimica. Un briciolo di speranza comunque c'è e speriamo di poter seguire la nostra vocazione".

"Voglio fare medicina - conclude Arianna - per fare qualcosa verso chi, come le donne, spesso non ha voce, nemmeno sulla propria salute".

Marco Berton

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium