ELEZIONI REGIONALI
 / Sanità

Sanità | 03 febbraio 2023, 07:39

Finiti tachipirina e sciroppo per la tosse nei magazzini di chi aiuta i poveri a Torino, Banco Farmaceutico: "Donate"

Da martedì 7 a lunedì 13 febbraio torna la Giornata di Raccolta del Farmaco: oltre 29.600 persone in coda per un aiuto

volontari del banco farmaceutico in farmacia

Prosegue la difficoltà nel trovare alcuni farmaci in questo periodo

La Tachipirina costa da quattro euro e 80 a cinque euro e 50. Il generico paracetamolo da 1.70 a 3.60. Il prezzo di tre espresso al bar. Eppure a Torino e provincia sono decine di migliaia le famiglie e i singoli che non si possono permettere di comprare il farmaco e si rivolgono agli enti benefici per averlo gratis. Da settembre i magazzini di questi ultimi hanno esaurito le scorte di tachipirina, paracetamolo ed ibuprofene, complice la crescita di richieste per raffreddori ed influenza estiva

Caro-bollette 

Ma all'appello - come denuncia Camminare Insieme, che insieme ad altre associazioni opera a Torino a favore di migranti, senza fissa dimora e indigenti - mancano anche "sciroppi per la tosse e farmaci per le patologie da raffreddamento". Oltre al boom di influenze, a pesare sicuramente il caro-bollette degli scorsi mesi, che ha obbligato molti torinesi a scegliere se pagare luce e gas, o comprare cibo e farmaci.

I poveri spendono 1/6 per le medicine 

Secondo i dati preliminari del 10° rapporto “Donare per curare su povertà sanitaria e donazione farmaci” dell’OPSan, nell’arco degli ultimi 8 anni le famiglie povere hanno sostenuto una spesa sanitaria mensile pro capite compresa tra i 9 e gli 11 euro, destinando oltre il 60% all’acquisto dei farmaci. Ma chi è indigente ha speso comunque un sesto delle famiglie non povere. 

Torna la Settimana del Banco Farmaceutico 

Per aiutare chi fatica ad arrivare a fine mese, torna la  XXIII Giornata di Raccolta del Farmaco, organizzata dal Banco Farmaceutico. Da martedì 7 a lunedì 13 febbraio sarà possibile donare uno o più presidi sanitari nelle 287 farmacie aderenti a Torino e provincia, 30 in più rispetto alle 258 del 2022 (qui  la mappa www.bancofarmaceuticotorino.org). Gli enti assistenziali accreditati (61 a Torino e provincia, 5 in più rispetto al 2022) comunicano al Banco Farmaceutico le proprie necessità, nella tipologia e nel quantitativo stimato per un anno di attività: la richiesta per il 2023 supera i 105.000 farmaci e dispositivi sanitari. Queste le priorità: integratori, antipiretici e antinfiammatori, preparati per tosse e malattie da raffreddamento.

Oltre 29mila assistiti 

Questi farmaci vengono poi consegnati alle persone in condizione di povertà sanitaria assistite dagli enti: sono 29.670, in linea con i 28.863 del 2022. Oltre 20mila sono stranieri, persone “multiproblematiche”, come rileva la Caritas Diocesana: la povertà sanitaria si accompagna a quella alimentare, alla difficoltà abitativa e alla mancanza di lavoro. Purtroppo le richieste non

sono tutte soddisfatte. La copertura del fabbisogno tramite le donazioni della GRF a Torino è solo del 30,5%, un dato più basso rispetto al Piemonte (38,1%) e all’Italia (47%). 

Cinzia Gatti

TI RICORDI COSA È SUCCESSO L’ANNO SCORSO A MAGGIO?
Ascolta il podcast con le notizie da non dimenticare

Ascolta "Un anno di notizie da non dimenticare" su Spreaker.

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium