/ Attualità

Attualità | 22 gennaio 2024, 16:38

Il nipote del prof. Khaled Al Asaad al Museo Egizio per visitare la sala dedicata al nonno vittima dell'Isis

Insieme a lui l'assessore regionale Maurizio Marrone e i vertici del Centro Conservazione e Restauro “La Venaria Reale”

Il nipote del prof. Khaled Al Asaad all'Egizio per visitare la sala dedicata al nonno vittima dell'Isis

Il nipote del prof. Khaled Al Asaad all'Egizio per visitare la sala dedicata al nonno vittima dell'Isis

Nonno e nipote, uniti simbolicamente nella difesa della cultura. Nella mattina di oggi, lunedì 22 gennaio, Mohammad Al-Hariri, nipote del professore di Palmira Khaled Al Asaad e vincitore della borsa di studio della Regione Piemonte e del Centro Conservazione e Restauro della Venaria Reale, ha visitato il Museo Egizio di Torino, che proprio alla memoria dell'archeologo ucciso dall'Isis ha dedicato la Galleria della Scrittura. 1000 mq inaugurati dal Museo il 21 dicembre e riservati ai geroglifici e alle antiche scritture egiziane. Circa 250 reperti e installazioni multimediali sulla storia antica della scrittura. 

Alla visita hanno preso parte l'assessore alla Cooperazione Internazionale della Regione Piemonte, Maurizio Marrone, il presidente del Museo Egizio, Evelina Christillin, il direttore del Museo, Christian Greco, il presidente del CCR, Alfonso Frugis e il Segretario generale del CCR, Sara Abram

"Non è un caso che il Museo Egizio abbia voluto dedicare una sala all'eroe di Palmira e che il Centro di Conservazione e Restauro La Venaria Reale sostenga la formazione di suo nipote e di altri giovani archeologi siriani. È un motivo di orgoglio per la nostra cooperazione internazionale piemontese mettere al centro la cultura come ponte di dialogo con il mondo arabo in un momento di forte destabilizzazione del Medio Oriente. Come ci insegnava Khaled Al Asaad, la conservazione del patrimonio ereditato dalle nostre antiche civiltà è la strada giusta per costruire la pace" ha dichiarato l'assessore alla Cooperazione internazionale della Regione Piemonte Maurizio Marrone.

"Il Museo Egizio da anni valorizza la collaborazione accademica, la ricerca scientifica e la formazione dei giovani a livello internazionale. Si inserisce in questo solco la piena collaborazione con la Regione Piemonte e con il Centro di Conservazione e Restauro della Venaria Reale, che auspichiamo sia foriera di ponti tra le diverse sponde del Mediterraneo e di collegamenti tra i paesi e le culture del Medio Oriente", hanno dichiarato la presidente del Museo Egizio, Evelina Christillin e il direttore del Museo, Christian Greco.

"Siamo certi che questo intervento di supporto da parte del CCR, in termini di scambio di competenze, possa contribuire alla costruzione di percorsi di conservazione per preservare il patrimonio siriano e per la futura fruizione da parte della comunità, anche come manifestazione tangibile dalla cooperazione tra Paesi. Un intervento che ancora una volta conferma lo sguardo comune con il Museo Egizio, primo partner scientifico del CCR, verso la comunità internazionale per la conservazione e la trasmissione dei beni culturali", hanno dichiarato Alfonso Frugis, presidente e Sara Abram, segretario generale del Centro Conservazione e Restauro “La Venaria Reale”

Mohammad Al-Hariri, nipote del professore di Palmira Khaled Al Asaad, è vincitore della borsa di studio messa a disposizione dalla Regione Piemonte all'interno del progetto "World Heritage Hero" e dello Young Professionals Forum (YPF) con il Centro Conservazione e Restauro La Venaria Reale e H.Opes Foundation. 

Neolaureato alla Facoltà di Archeologia dell'Università di Damasco, ha raccolto la preziosa eredità scientifica e morale del nonno che fino all'estremo sacrificio difese i beni archeologici di Palmira dai terroristi dell'Isis.

Il progetto, che vedrà Mohammad soggiornare per tre mesi alla Venaria Reale, fino a fine marzo, è finalizzato allo sviluppo di un percorso di capacity building per giovani professionisti siriani responsabili della salvaguardia del patrimonio culturale e studenti meritevoli, anche tramite borse di studio in Italia finalizzate al completamento di percorsi formativi e all'intervento sulla Sala Damascena del Museo Nazionale di Damasco in Siria.

comunicato stampa

TI RICORDI COSA È SUCCESSO L’ANNO SCORSO A FEBBRAIO?
Ascolta il podcast con le notizie da non dimenticare

Ascolta "Un anno di notizie da non dimenticare" su Spreaker.

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium